Ethereum Classic aggiorna il protocollo introducendo interessanti novità

Ethereum Classic aggiorna il protocollo introducendo interessanti novità

Ethereum Classic (ETC) ha implementato con successo un aggiornamento protocollo che farà in modo che l’estrazione rimarrà visibile in futuro.

SEGUICI SU FACEBOOK

L’aggiornamento, soprannominato ECIP-1041, ha rimosso la cosiddetta funzione “Difficulty Bomb” dalla rete ETC al blocco 5.900.000. La ‘bomba’ era un componente del codice Ethereum (ETH). Era stato progettato per aumentare esponenzialmente la difficoltà di estrazione fino al punto in cui sarebbe diventato impraticabilmente lento, innescando così la necessità di passare a una prova di stallo ( PoS ). Questa caratteristica è stata comunemente indicata come “Era glaciale di ETH”, perché essenzialmente “blocca” le convalide dei blocchi.

SEGUICI SU FACEBOOK

Ethereum Classic si è formato dopo che Ethereum ha biforcato duramente dalla blockchain originale nel 2016 per i disaccordi su come gestire l’ hack DAO. L’aggiornamento del protocollo ECIP-1041 non comporterà un AirDrop, né la creazione di un nuovo token.

Da parte sua, nell’ottobre 2017 ETH ha agito per posticipare la “bomba” di oltre un anno, poiché la Fondazione continua a gettare le basi per il passaggio al suo sistema ibrido di PoS, Casper .

SEGUICI SU FACEBOOK

Una volta che Ethereum passa a PoS, la rete di ETC – che secondo quanto riferito non prevede di passare a PoS – potrebbe potenzialmente sperare di ereditare una parte significativa del potere di estrazione minerario dedicato all’ETH nella sua forma attuale.
Il dibattito PoS-PoW continua a dividere la comunità cripto. Proprio questa settimana, un ricercatore brasiliano ha calcolato che potrebbero essere necessari solo $ 55 mln per hackerare la rete di Ethereum Classic per ottenere un profitto di $ 1, sostenendo che l’algoritmo PoW della rete era più vulnerabile a un attacco del 51% di quanto precedentemente ipotizzato .

SEGUICI SU FACEBOOK

Eventi settimanali 28-05 | 03-06

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto