G20: domani il via. Ecco una possibile spiegazione del calo inarrestabile delle criptovalute

g20

SEGUICI SU FACEBOOK

G20 Lunedì 19 e martedì 20 marzo arriveranno notizie importanti

Durante il G20 si terranno due discussioni sulle criptovalute, nel tentativo di cercare ciò che i rappresentanti chiamano una “risposta comune” sulla regolamentazione.

Il primo incontro si svolgerà lunedì. I colloqui includeranno il ministro del Tesoro dell’Argentina, Nicolás Dujovne e il segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), José Angel Gurría, tra gli altri soggetti interessati.

Una seconda discussione avverrà martedì.

SEGUICI SU FACEBOOK

L’agenda e i punti che saranno trattati nelle due discussioni non sono stati pubblicati. Tuttavia, un documento pubblico indica che le discussioni ruoteranno attorno alle implicazioni delle criptovalute e alle potenziali applicazioni della tecnologia sottostante, la blockchain.

“La questione è un punto importante nell’agenda del G20, i delegati cercheranno una risposta comune che potrebbe mitigare i rischi senza scoraggiare l’innovazione”

 

SEGUICI SU FACEBOOK

 

Il documento rileva che la blockchain “ha il potenziale per promuovere l’inclusione finanziaria”. Tuttavia, continua sostenendo che “è importante analizzare le sue implicazioni per la stabilità finanziaria, l’evasione fiscale e le attività finanziarie illegali”.

 

SEGUICI SU FACEBOOK

Funzionari delle finanze di Stati Uniti, Germania, Francia e Giappone hanno tutti già iniziato a discuterne nei mesi precedenti al vertice del G20.

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che le sue preoccupazioni ruotano attorno all’uso di criptovalute in attività illegali come il riciclaggio di denaro sporco, mentre funzionari finanziari francesi e tedeschi hanno scritto una lettera a febbraio che ha lanciato l’allarme sui potenziali rischi per gli investitori.

SEGUICI SU FACEBOOK

 

leggi anche -> Germania: niente tasse sulle criptovalute

 

Fonte: coindesk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto